• IMG_2165
  • IMG_2179

CALENDARIO

< dic 2018 >
LMMGVSD
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Quel mattino di marzo 1913

1 aprile 2005
Autore
Nino Nonnis
Regia
Maria Assunta Calvisi
Con
Daniela Musiu, Francesca Seu, Teresa Spano, Barbara Zedda, Luca Lecca, Walter Mameli
Quattro cernitrici addette alla pulizia dei minerali, vengono travolte e uccise dal crollo di una griglia della miniera di Genna Arenas a Buggerru in un mattino di marzo del 1913.

Quattro storie interrotte di donne: Anna Rosa, che ha appena abbandonato i suoi giochi da bambina, Maria, giovane sposa in attesa del suo primo figlio, Anna, energica e battagliera attivista nella Lega Minatori, e infine Laura, madre di tre figli.

Quattro donne come tante, una vita di lavoro senza speranza di futuro, accomunate da un tragico destino che le consegnerà alla storia unite inesorabilmente.

Dopo "La piccola Parigi", che racconta l'eccidio dei minatori avvenuto a Buggerru nel 1904, l'Effimero Meraviglioso ha voluto ricordare un'altra storia di miniera ancora più drammatica perché sconosciuta ai più. Storia minore, quasi un fatto privato, ma qualcuno ha detto che la Storia con la esse maiuscola è fatta di tante piccole storie con la esse minuscola.

Ne "La piccola Parigi" viene fuori in tutta la sua durezza il contrasto tra due mondi, quello dei padroni delle miniere e di chi li rappresentava, e quello dei lavoratori, uomini donne bambini, forza-lavoro indispensabile, ma non importante.

Tutto questo, nello spettacolo, è sullo sfondo: il mondo di queste donne ha la stessa durezza, però nella loro voce c'è la leggerezza dell'amore, la tenerezza per un cavallo cieco di miniera, il gioco ingenuo, il ricordo affettuoso di un minatore di Barbagia, o ammirato per la francese Lorine dal grande cappello, moglie generosa e sfortunata del primo direttore.

Una storia al femminile dai contorni delicati, ma che contiene in sé tutta la forza del dramma.